domenica 11 marzo 2012

Un attimo al bagno #4: MASS EFFECT INFILTRATOR

Caro Scaffale,

perdona la mia prolungata assenza, ma tra una giornata a vagabondare per RomaComics & Games, un paio di orette scarse a giocare a Silent Hill: Downpour e l'invasione dei Razziatori la recensione di Mass Effect 3 sulla rivista 360 riprendo a scriverti soltanto adesso:
Riprendiamoci la Terra... e già che ci siamo spacchiamo i culi metallici dei Razziatori!


Ma vabbé, come dal titolo del post, oggi ti parlerò del gioco di Mass Effect su dispositivi iOS, ma non quello che i tizi di Bioware rilasciarono un paio d'anni fa e tolsero prontamente dall'App Store perché faceva schifo al cazzo non era all'altezza degli standard qualitativi degli altri giochi.
A questo punto all'uscita di un altro titolo mobile dedicato all'universo del Comandante Shepard ti immagini un GdR con fasi sparacchine in terza persona infarcito da dialoghi e scelte morali, no? Sticazzi, prendiamo l'engine di Dead Space versione iOS, modifichiamo le texture e i nemici (Geth, Turian, Krogan, soldati di Cerberus e un paio di boss in croce) e, già che ci siamo, fancoolo allo Spettro umano, mettiamoci l'ultimo tizio scartato dagli ultimi brain-storming. Ed eccoti il gioco che non ti aspetti, MASS EFFECT INFILTRATOR:
Girovagando per i corridoi della Ishimur... a no, scusate ho sbagliato gioco!
Nei panni della cavia umana di un agente speciale dell’organizzazione Cerberus (Randall Ezno) che decide all'improvviso di fare il culo al suo datore di lavoro per salvare la collega Inari, cosa non si farebbe per la fregna, vero?

Ora, se togli i dialoghi a scelta multipla e riduci all'osso le scelte da eroe o stronzo rinnegato, sacrificando l'aspetto narrativo sull'altare del gameplay, ti resta uno sparatutto con (pochi) elementi ruolistici, sui quali speculare grazie all'ormai onnipresente meccanismo degli acquisti In App. Allora per rendere piacevole l'esperienza ludica, occorrerebbero controlli precisi e reattivi... ma stiamo parlando di uno schermo tattile e non è questo il caso, perché si sa, comandi del genere non sono adatti ai dispositivi mobili (a meno di implementare levette analogiche fisiche). E quindi capita spesso di ritrovarsi a uscire involontariamente dal la copertura per scattare in mezzo alla pioggia di laser dei nemici (che non brillano certo per Intelligenza Artificiale) tirando giù bestemmioni.
Il Comandante Shepard è al momento irreperibile, quindi dovrete accontentarvi della cavia umana di Cerberus con la faccia da scemo
Nonostante le similitudini col capolavoro fratello maggiore (i poteri biotici, l'arsenale a disposizione, la possibilità di rotolarsi, scivolare, andare in occultamento ed eseguire un attacco in corpo a corpo) MASS EFFECT INFILTRATOR ti lascia parecchio basito al punto che ti domandi: ma chi me l'ha fatto fare? Si tratta forse del desiderio di giocare un titolo decente della saga su iPad oppure la possibilità di incrementare il proprio livello di reattività in Mass Effect 3 grazie al supporto per la modalità Galassia in guerra?
Pazienza, intanto è una magra consolazione da giocare in attesa della patch che risolva l'italico bug su Xbox 360 del blocco del gioco una volta giunti all'Accademia Grissom...

Nessun commento:

Posta un commento